Emis Killa & Madame – Notte gialla Lyrics

Emis Killa Keta Music Vol. 3 Lyrics

Emis Killa Keta Music Vol. 3 Lyrics

Emis Killa Notte gialla Lyrics, Notte gialla Lyrics by Emis Killa

Ah, stanotte ha il volto della mia malinconia
Ma il tuo sorriso mi compiace, per quanto finto sia
Baby, pensavo di amarti e poi ho capito in terapia
Che mi affeziono a ogni tua angoscia
Perché in fondo è un po’ la mia
Lungo la via sento il boato, diversi ruoli
L’un l’altro, attratti come poli
In compagnia ma ancora soli
Noi che siamo ancora i soliti, a parte nei modi
Siamo in disparte barcollando silenziosi
Come barche nei moli
Mamma già da un po’ è a letto
Io penso sia troppo ingenua
È un mese che scazziamo senza tregua
Pensava fosse un gioco il mio fin quando ho preso il treno
Adesso ci sentiamo poco e ci vediamo pure meno
Io proprio non mi ci trovo in ‘sto mondo a misura d’uomo
Anche un diavolo è ben accetto purché abbia un aspetto buono
Fa freddo e non sono sobrio (No)
Ti prego, chiedimi come sto, non che ore sono
E andiamo, ché ora ho sonno

Per scappare dal mondo scrivo, non per altro
Quando la voce chiama lascio tutto e parto
C’è il gruppo a fare festa, ma sto in camera e ci resto
Bevendo la mia miscela di rum, cola e lacrime
Perché più di fermare la giostra non so che inventarmi
Cerco solamente un po’ di verità
Perché fino adesso sembra non ci sia mai stata davvero

Su ‘sti gradini siamo indigeni, senso di vertigine
Sotto un cielo pieno di lentiggini
Nuovi fantasmi vengono ad uccidermi
Io proverò a corromperli se non potrò sconfiggerli
Da sempre faccio incubi più veritieri dei miei sogni
Pensieri poco nitidi e più sporchi dei miei soldi
Cerco mio papà tra i volti in strada e nel rumore del ventilatore
Ora che è estate da ventiquattr’ore
È un po’ che sono stanco di gente che esulta quando
Gli metti una coppa in mano e se perde abbandona il campo
Fra’, ho smesso di dare il pane a ogni bocca che ha fame
In quanto per quanto onesto sia un cane
Poi torna con tutto il branco
Questa city è una giungla con più taxi che angeli
Bestie emigrano in chiese, palazzi sembrano alberi
E tu ti alteri, lo so, che ho la voce in radio e la faccia in TV
Forse dovrei soltanto bere meno e dormire di più

Per scappare dal mondo scrivo, non per altro
Quando la voce chiama lascio tutto e parto
C’è il gruppo a fare festa, ma sto in camera e ci resto
Bevendo la mia miscela di rum, cola e lacrime
Perché più di fermare la giostra non so che inventarmi
Cerco solamente un po’ di verità
Perché fino adesso sembra non ci sia mai stata davvero

(Diciamo che in generale ho bisogno di dormire perché
Veramente, ho fatto un weekend… distruttivo, autodistruttivo
Tra le serate con i miei amici ignoranti, eccetera
Oggi che dovrebbe essere, cioè, doveva essere
Il mio giorno di riposo mi son distrutto
E mo ho chiuso in bellezza in studio
Però finalmente ‘sto disco è finito)

Written by; Emis Killa, Madame
Album/EP; Keta Music Vol. 3

Emis Killa Notte gialla Lyrics English Translation

Ah, tonight has the face of my melancholy
But your smile pleases me, however fake it is
Baby, I thought I loved you and then I realized in therapy
That I am fond of your every anguish
Because after all it’s a bit mine
Along the way I hear the roar, different roles
Each other, attracted like poles
In company but still alone
We who are still the same, apart from the ways
We are on the sidelines staggering silently
Like boats in the docks
Mom has been in bed for a while
I think she is too naive
We have been fighting for a month without respite
He thought mine was a game until I took the train
Now we feel little and see each other even less
I just don’t find myself in this world on a human scale
Even a devil is welcome as long as he looks good
It’s cold and I’m not sober (No)
Please ask me how I am, not what time it is
And let’s go, because now I’m sleepy

To escape from the world I write, for nothing else
When the voice calls I leave everything and leave
The group is partying, but I stay in my room and stay there
Drinking my blend of rum, cola and tears
Because I don’t know what to invent more than stopping the carousel
I’m just looking for a little bit of truth
Because until now it seems to have never really been there

On these steps we are indigenous, a sense of dizziness
Under a sky full of freckles
New ghosts come to kill me
I will try to bribe them if I cannot defeat them
I have always had nightmares more truthful than my dreams
Thoughts blurry and dirtier than my money
I look for my dad among the faces on the street and in the noise of the fan
Now that it has been summer for twenty-four hours
It’s been a while since I’ve been tired of people cheering when
You put a cup in his hand and if he loses he leaves the field
Between ‘, I stopped giving bread to every hungry mouth
As honest as a dog is
Then he comes back with the whole pack
This city is a jungle with more taxis than angels
Beasts emigrate to churches, buildings look like trees
And you get high, I know, that I have the voice on the radio and the face on the TV
Maybe I should just drink less and sleep more

To escape from the world I write, for nothing else
When the voice calls I leave everything and leave
The group is partying, but I stay in my room and stay there
Drinking my blend of rum, cola and tears
Because I don’t know what to invent more than stopping the carousel
I’m just looking for a little bit of truth
Because until now it seems to have never really been there

(Let’s say that in general I need to sleep because
Actually, I had a weekend … destructive, self-destructive
Between the evenings with my ignorant friends, etc.
Today it should be, that is, it had to be
My day of rest I have destroyed myself
And now I’m done with a flourish in the studio
But finally this record is over)